Chef Fabio Naponiello: ricerca senza fine

Fabio Naponiello coltiva da sempre due grandi passioni: la musica e la cucina . Nella vita si è dedicato prima all’una poi all’altra. Dopo una decennale esperienza come musicista decide di fare sul serio anche con la cucina e si diploma presso l’Istituto Alberghiero “ Bartolomeo Scappi” di Castel San Pietro Terme.

Dopo le prime esperienze sulla Riviera romagnola e in alcuni ristoranti di cucina tradizionale emiliana approda a Milano per allargare le conoscenze culinarie e frequentare corsi e specializzazioni al fianco di importanti chef quali Pietro Leemann e Marco Pirotta, interessandosi in particolar modo alla cottura a bassa temperatura. Proprio con questa tecnica riceve il premio come secondo classificato al concorso internazionale alla Fiera di Milano “Host” nel 2017. E proprio come succede nella ricerca musicale spazia oltre i confini nazionali per “contaminare” i nostri classici piatti di spezie orientali dai sapori lontani. Facendo tesoro di queste esperienze è riuscito a introdurre nel ristorante di cucina tradizionale dove lavora da tanti anni un mix di sapori inaspettati e sorprendenti, molto apprezzato dalla clientela tradizionale con la quale si rapporta ogni giorno.

Si definisce “non geloso” del suo sapere e disponibile a divulgare quanto imparato perché la ricerca in cucina è veloce e continua: non c’è tempo per copiare!